• 329 6891257
  • info@associazionemusicaviva.com
FOTO LORENZO MARCOLONGO 2
Lorenzo Marcolongo

curriculum

Si diploma in clarinetto nel luglio 2000 sotto la guida del M° Mario Visentini, presso il conservatorio “F.E. Dall’Abaco” di Verona. Nel periodo precedente al conseguimento del diploma, ha collaborato alla realizzazione di attività concertistiche quali i “Concerti della Domenica”, alcune opere in prima esecuzione assoluta sotto il patrocinio dell’Ente Lirico Arena di Verona, l’esecuzione presso il Teatro Nuovo in Verona di composizioni quali “L’opera da tre soldi” di Kurt Weill, “L’histoire du Babar, le petit éléphant” di Francis Poulenc, “Pierino e il lupo” di Sergej Prokof’ev;  partecipa inoltre all’“Europa Festival” di Ferentino (Roma) presentando l’opera “Notturno” del M° Andrea Mannucci in prima esecuzione assoluta.

Successivamente, prosegue gli studi sotto la guida del M° Karl Leister presso l’associazione “Amici della musica di Firenze” e con il M° Riccardo Crocilla dal 2004 al 2006 presso la “Scuola di Musica di Sesto Fiorentino” e nel 2008 presso “L’Accademia musicale di Firenze”.

Numerosi i piazzamenti in concorsi nazionali e internazionali, tra i quali il “Concorso musicale per giovani strumentisti Città di Valconca”, il “Concorso Musicale Città di Grosseto” e il “Concorso Nazionale Città di Atrazzo”.

Svolge un’intensa attività concertistica, sia come solista che in complessi cameristici: attraverso la sua collaborazione nel quintetto di fiati “Nuova Ricerca Contemporanea”, ha partecipato a manifestazioni quali la rassegna concertistica organizzata dagli “Amici della Musica di Chioggia”, nonché alle “Sinfonie nel Verde” in Madonna di Campiglio. Come solista ha eseguito le “Variazioni” di G. Rossini per clarinetto e piccola orchestra presso il Teatro Nuovo di Verona, con la direzione del M° Roberto Di Marino. In duo e in varie formazioni cameristiche, ha suonato nelle rassegne “Dalle sei alle sette”, “La musica a scuola”, “Musica in villa” e  “Concerti nei giardini”.

Ha collaborato con l’ensemble orchestrale “Antica Pieve”, con l’orchestra “I solisti europei” e con i “Musici di S. Giorgio”, con i quali ha partecipato alla rassegna “Teatro e società” nel teatro storico di Acquasanta terme (AP), per la realizzazione di musiche di scena per il monologo teatrale “Il canto del Sengion”, interpretato dall’attore Stefano Paiusco.

E’ stato selezionato per la realizzazione di colonne sonore, nonché per la registrazione di un’incisione relativa alle composizioni giovanili di W. A. Mozart, diretta dal M° Diego Dini Ciacci. Tra le ultime collaborazioni orchestrali, si ricorda l’esecuzione dell’opera “Geneviéve De Brabant” di Erik Satie presso il Teatro Nuovo di Verona sotto la direzione del M° Mario Lanaro. Ha collaborato inoltre con l’orchestra “I solisti Europei” di Milano sotto la direzione del maestro M. Calisi.

Nel 2007 si laurea nel biennio di specializzazione in clarinetto presso il Conservatorio di Musica “F. E. Dall’Abaco”, sotto la guida della professoressa Luisa Puttini, con una votazione di 110/110.

Successivamente, ha collaborato con l’orchestra “Ned Ensemble”, con la quale ha partecipato in qualità di primo clarinetto in collaborazione con l’Atelier Lirique di Parigi, al “Festival du Moulins”, per la realizzazione di quattro opere tra cui: “Rita” di G. Donizetti, “Abu Hassan” di C. M. Von Weber, “Il telefono” di G. Menotti e “Kiki De Montparnasse” di A. Mannucci. Ha partecipato alla rassegna “Musica Nuova” presso il teatro Sancarlino di Brescia e ha collaborato inoltre con la formazione cameristica “Quartetto Virgiliano” di Mantova.

Nel 2008 si abilita all’insegnamento del clarinetto per la Scuola Secondaria di I Grado presso il conservatorio statale di musica “F.E. Dall’Abaco” di Verona, con una votazione di 93/100. Nel 2009, registra sotto l’etichetta Rai Trade la rassegna concertistica “I grandi del passato riletti dai contemporanei” e più di recente, ha pubblicato per le Edizioni Musicali Eufonia, la trascrizione delle “Danze Rumene” di Béla Bartòk.

Attualmente, affianca l’attività concertistica a quella didattica, attraverso l’insegnamento del clarinetto presso le Scuole Secondarie di Primo Grado della provincia di Verona.